ZUCCHERO

STROFA UNO – TAAVI

fatti della stessa pasta che ho sotto la lingua
mi piace un botto quando strilla
tu non c’hai idea de quanto cazzo mandi in fissa
balliamo in pista, togli quei tacchi dai, non ci stai dritta
sotto quel vestito il perizoma in pizzo
la tipa più figa che io abbia mai visto
quel culo figo un botto che sembra un mefisto
tu sei tutta curve ed io non faccio un pit-stop
dai baby che so’ solo le quattro, buttiamone ancora giù un altro paio
ho deciso che stasera mi sdraio, sicuro domani ti chiamo e ti dico parto
non sempre io ho fatto ciò che andava fatto
ho fatto anche sbagli più grandi di ciò che sono
ma sempre con i piedi saldi a terra e con la testa in alto
sognando solo un paio d’ali pe’ prende’ il volo
sporca la mia anima di seta
col sangue che ho versato con la quale si disseta
‘sta tipa complessata per drammi da terza media
‘sta vita e una puttana e lei se la fotteva, se la rideva
giuro vedo quanto ti diverti
non sempre succede quello che ti aspetti
se tardi alla stazione il treno lo perdi
e resti sola coi tuoi pezzi

STROFA DUE – ARDEN

marcio come il posto fuori da questa finestra
il cielo non è il limite, ci limita ‘sta testa
cappuccetto rosso in mezzo a ‘sta foresta
voi fa er professore, ar massimo fai la maestra
fallo un sorriso pure se non sei contenta
damme ‘n bacetto pure se sei così fredda
c’ho pane a tonnellate per i tuoi denti
a me non mancano i sogni, mancano i cassetti
così vicini eppure distanti
che stress continua’ ‘sta vita per altri diec’anni
che stress sta insieme e non riusci’ a lasciarsi
mi fai male se mi guardi
quattro g nel volcom, volo come un condor
c’ho più fame di te, di tuo padre e di tuo nonno
messi insieme ovvio, ‘sta musica è oppio
e sto fatto come la scimmia che c’ho sul collo
amo-more l’hai tirata ma era zucchero
dovrei cancellarlo il tuo cazzo di numero
non rispondi devo farmi più furbo
go preso certe cortellate in petto che non supero
e spero ancora, ancora, che bro, qualcosa si avveri
ma è quella parte di me che ormai fa parte di ieri
siedi, dicevo era la testa a metterti dei freni
un giorno scemerò a combatte co’ tutti scemi

OUTRO – TAAVI

e non c’ho voglia di dirti che senza te
‘sti giorni so’ sempre più grigi
il sole qua da me non splende più
e non c’ho voglia di illudermi e ripensarci
se tanto ormai non mi guardi
io che ormai non ti riconosco più
che sei dolce come zucchero
che sei dolce come zucchero