BUGIARDI

Vengo dalla strada, scusa l’ignoranza
Cresciuto senza pane e senza padre
A farmi da padre ci ha pensato mamma
Fumo una canna giusto per pensare
Quanto sia difficile ave’ una condanna
Alle spalle e coltellate da contare
Un bagaglio personale fra che è una montagna
Solo vent’anni ed una vita da affrontare
Che brutta storia
Un letto disfatto, metà canna ancora da finire, il nostro whisky e soda
Tu non ci sei ma eri lì sola, io qui solo con la testa vuota
Mi chiedo se mi pensi ancora
Prendo un accendino e do una calla a un grammo
Penso che mi basta per restare calmo
bevo un bicchiere d’acqua
Sto fumo gratta, sembra sabbia
Maledetto banga e l’ultimo deca rimasto
Sono un rimasto, cosa posso farci?
Ci siamo rotti di giocare, rotti come piatti
Noi cosi piatti in sto piattume come scatti di noi due che
Stiamo sul letto dei tuoi con tu che salti,
Tu che parli di progetti del futuro ed io che fingo di ascoltarti
Amo che fingo lo sanno anche i sassi
Tu che fingi di distrarti, io che fingo di fissarti
Siamo così bugiardi

RITORNELLO

Siamo così bugiardi, così bugiardi
Tu che fingi di odiarmi, io che fingo di amarti
Ci siamo scritti come pagine per poi strapparci
Infondo siamo come gli altri, siamo così bugiardi, così bugiardi
Siamo così bugiardi, così bugiardi, così bugiardi
Siamo così bugiardi, così bugiardi, così bugiardi
Siamo così bugiardi, così bugiardi, così bugiardi
Siamo così bugiardi cosa possiamo farci?!